La valorizzazione delle filiere produttive agricole: l’esperienza dei biodistretti- Seminario del 18 novembre

Convegno "La valorizzazione delle filiere produttive agricole: l'esperienza dei biodistretti" che l'associazione Città del Bio ha inteso promuovere anche in occasione di ipotesi avanzate a livello locale per la costituzione di un Biodistretto del Monferrato Casalese.

COMUNICATO STAMPA

“La valorizzazione delle filiere produttive agricole: l’esperienza dei biodistretti”

 

Nella provincia di Alessandria si stanno attivando due Biodistretti: l’uno (Suol d’Aleramo) nell’acquese, l’altro (Terre del Giarolo) nel tortonese.

I biodistretti non sono soltanto luoghi in cui si ha una prevalenza di agricoltura biologica, ma territori in cui l’alleanza tra amministrazioni locali, produttori agricoli di qualità, aziende di trasformazione del settore agro-alimentare, imprese dedite alla ricettività turistica, istituzioni scolastiche, associazioni culturali e della tradizione, sistema creditizio, sono tutti impegnati in un disegno comune che pone al centro dello sviluppo locale il valore delle produzioni agricole di qualità, l’eno-gastronomia, la tutela dell’ambiente, del paesaggio e delle tradizioni culturali locali favorisca uno sviluppo compatibile del territorio, il recupero delle terre incolte, una crescita economica complessiva.

Altre aree piemontesi, alla luce di tali esperienze, si stanno attrezzando per creare altri biodistretti, in una logica a rete che consenta in futuro un rapporto più diretto tra i produttori e i consumatori e una migliore valorizzazione delle produzioni di qualità.

Il Monferrato – per le sue tradizioni nel settore, per il peso storico che ha avuto, per la capacità attrattiva che può sviluppare – non può rimanere a margine.

Su iniziativa di un gruppo di amministratori locali e tecnici del territorio, Città del Bio – associazione di enti locali e di regioni – soggetto attuatore dei due biodistretti prima indicati, ha accettato l’invito di organizzare un seminario sul tema, da cui possa partire una iniziativa finalizzata ad attivare un processo costituente anche in questo territorio.

Il confronto, concentratosi sul ruolo dei biodistretti nello sviluppo locale e sul ruolo che le filiere produttive e le reti d’impresa hanno nella loro costituzione e nel successo delle iniziative, è stato un’opportunità per verificare, anche alla luce del nuovo PSR, ciò che gli strumenti regionali e comunitari offrono sia alle imprese che agli enti locali.

 

Il programma

Convegno "La valorizzazione delle filiere produttive agricole: l'esperienza dei biodistretti" che l'associazione Città del Bio ha inteso promuovere anche in occasione di ipotesi avanzate a livello locale per la costituzione di un Biodistretto del Monferrato Casalese.

Il seminario tenutosi presso il Monferrato Resort di Cereseto, venerdì 18 novembre dalle ore 17,30 alle ore 20 ha visto la presenza di oltre 50 operatori e amministratori nonché le relazioni di:

 

PresiedeMassimo Cagnacci, Notaio

 

Introduzionedel Consigliere Provinciale Federico Riboldi

 

Saluto introduttivo:Antonio Ferrentino, Presidente di Città del Bio

 

• Il biodistretto: una opportunità di sviluppo. Cos'è e come si costruisce

On. Luigi Massa – segretario generale di Città del Bio

 

• Filiere produttive e reti d'impresa come motori dello sviluppo del settore agroalimentare

Dott. Massimo Coggiola – Commercialista e revisore dei conti

 

Il PSR e le opportunità per l'attivazione delle filiere produttive e delle reti

Matteo Mereu – responsabile per Città del Bio della rete degli sportelli informativi

 

Presentazione esperienze sulle reti d'impresa – Casi studio

31^ Fiera di San Baudolino- Alessandria

L'Associazione Città del Bio, attraverso la cooperativa Terre di Incontro, è stata presente il 12 e il 13 novembre alla Fiera di San Baudolino sita in Alessandria.

Molte eccellenze enogastronomiche, appartenenti ai Biodistretti "Suol d'Aleramo" e "Terre del Giarolo", sono state presentate alla fiera grazie alla selezione di prodotti provenienti da circa 50 comuni dell'alessandrino.

Dall'acquese al tortonese è stato possibile incontrare e degustare le eccellenze enogastronomiche di una parte di Piemonte unica per la qualità del paesaggio, per le produzioni tipiche - naturali e biologiche - e per lo stile di vita.

Il tutto sotto il segno di Città del Bio, l'Associazione che, in collaborazione con gli enti locali, promuove lo sviluppo armonico ed il governo territoriale sostenibile, attraverso le municipalità ad esse associate.

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE al Programma Interreg V-A Italia-Svizzera 2014-2020

logo-interreg-3.png

Nell’ambito del Programma di Cooperazione Transfrontaliera Interreg V-A Italia-Svizzera 2014-2020 (http://interreg-italiasvizzera.eu/), Città del Bio, attraverso il partenariato attivo tra il Comune di Trino (VC) e la Società Cooperativa per la promozione e lo smercio di prodotti regionali del Moesano, ha contribuito a presentare la manifestazione d’interesse per il progetto Food&Discovery: percorsi di ambiente, cultura e tradizioni enogastronomiche tra montagna e pianura, attraverso l’idea di mettere in comune i lati caratteristici di alcuni territori, in particolare la filiera enogastronomica e ambientale nella provincia di Vercelli e nel Canton dei Grigioni, intesa non solo come produzione agricola ma quale tratto qualificante dei territori, al cui interno si sviluppano alcune caratteristiche come il buon uso della Acque, la tutela del paesaggio, l’eccellenza delle produzioni e lo sviluppo locale di qualità.